:title:

Metodologie laboratoriali e attività di laboratorio come asse portante dell’attività didattica dell’Istituto.

Comma 7 i) potenziamento  delle  metodologie   laboratoriali   e   delle attività di laboratorio;

 

La scuola dei curricoli delle  competenze e della    modularità richiede una didattica peculiare alle nuove finalità formative in sostituzione della tradizionale didattica trasmissiva come prassi fondamentale, tipica di una concezione della conoscenza come immagazzinamento.

Questa nuova didattica crea le condizioni perché  gli alunni apprendano i diversi saperi disciplinari secondo le modalità della costruzione di una rete di conoscenze. Il laboratorio pertanto diventa una pratica volta ad esercitare le operazioni logiche fondamentali della ricerca in senso scientifico. Questo tipo di didattica pone attenzione ai processi, alla complessità dell’apprendimento,  alla strumentazione logica di base: richiede pertanto tempi lunghi, deve rinunciare consapevolmente alla trasmissione enciclopedica dei contenuti, peraltro già impraticabile, e scommettere sulla possibilità di utilizzare quella strumentazione per apprendere cose nuove, cioè imparare a imparare, secondo l’impostazione del LLP.

I progetti sotto elencati evidenziano alcune attività particolari, ma la didattica laboratoriale è prassi consolidata, attuata nelle diverse discipline, come si può ricavare anche dai piani di lavoro elaborati per materie (Learning by doing, Cooperative learning, Problem solving)

Attività da svolgere utilizzando anche la modalità della  flessibilità oraria (organico del potenziamento) e didattica (per gruppi di livello)

 

Curricolari e extracurricolari - ambito linguistico

    • CERTIFICAZIONE IN LINGUA INGLESE (B2) FIRST CERTIFICATE

    Obiettivo: Attività linguistico-comunicative focalizzate sulle 4 abilità,  finalizzate alla preparazione e al superamento dell'esame FCE. Miglioramento delle competenze linguistiche, culturali, personali e relazionali. Superamento esame FCE  e conseguimento del livello B2. Si propone di attivare il corso a partire già da novembre 2018.

    Referente: prof. Maria Ferrari    Destinatari: Classi 4^ e 5^ dell'Istituto

     

    • GOETHE INSTITUT ZERTIFIKAT (B1)

    Obiettivo: Acquisizione per gli studenti delle classi IV e V L con un buon livello di tedesco del livello B1 del Goethe Institut Zertifikat.

    Referente: prof. Erika Rossi

    • DELE B2 CERTIFICAZIONE LINGUA SPAGNOLA

    Obiettivo: Sviluppo e consolidamento delle Quattro abilità secondo il quadro comune europeo delle lingue. Superamento esame di certificazione linguistica presso ente certificatore esterno Cervantes.

    Referente: prof. Serena Gorgatti 

     Destinatari: 3^, 4^, 5^ LINGUISTICO

  • Curricolari e extracurricolari - ambito matematico e scientifico

  • Laboratorio di Making Digitale                                                                                    

 da pagina:Officina Galilei

Obiettivi ed esiti attesi: attrezzare un luogo dove incrementare le opportunità occupazionali dei partecipanti, strutturandone le competenze relative ai metodi e alle tecniche della co-progettazione, del coworking, degli strumenti operativi legati alle nuove tecnologie; mettere a disposizione delle diverse realtà del territorio le energie creative utilizzando spazi attrezzati favorendo l’evoluzione di nuove idee attraverso strumenti legati alla progettazione digitale; diffondere la conoscenza digitale e la cultura del fabbing e del tinkering promuovendo attività didattiche all’interno del FabLab, (workshops, percorsi formativi, corsi DIY...). CON CONTRIBUTO CARIVERONA

 

Referente: prof. Margherita Molinari - PRESENTAZIONE DEL PROGETTO – ALL. 2

 

kangourou

PROGETTO KANGOUROU della Matematica

  • Obiettivo: Preparazione degli studenti alla partecipazione al Kangourou della matematica 2019.                                          

    Kangourou Italia rappresenta nel nostro Paese l’Associazione Internazionale “Kangourou senza Frontiere” che ha lo scopo di promuovere la diffusione della cultura matematica di base utilizzando ogni strumento e, in particolare, organizzando un gioco-concorso a cadenza annuale che si espleta in contemporanea in tutti i Paesi aderenti all’iniziativa. Attuare selezioni nazionali o operare confronti fra nazioni non sono tra gli scopi primari dell’iniziativa. Nel 2018 i Paesi aderenti sono stati oltre 70 e i concorrenti complessivamente oltre 6.000.000. In Italia, ben 74.897 concorrenti e 1017 scuole hanno partecipato all’edizione 2018.

    Referente: prof.ssa Federica Riccadonna - Gara presso le scuole: 21 marzo 2019                                                                                          

 olimpiadi informatica

    • OLIMPIADI DELL’INFORMATICA

    Obiettivo: Competizione provinciale e regionale che ha come obiettivo una maggiore conoscenza della materia e un confronto competitivo stimolante.

 

  • Come accordo tra MIUR - Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ed AICA - Associazione Italiana per l'Informatica ed il Calcolo Automatico, viene promossa la partecipazione degli studenti della scuola secondaria superiore alle Olimpiadi Italiane di Informatica. L'evento assume particolare significato in quanto costituisce occasione per far emergere e valorizzare le "eccellenze" esistenti nella scuola italiana, con positiva ricaduta sull'intero sistema educativo. A maggior ragione, se si considera che le discipline scientifiche hanno un valore strategico sia per lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica sia per la formazione culturale e professionale dei giovani. Inoltre, attraverso iniziative come le Olimpiadi di Informatica si creano le precondizioni per preparare gli studenti al lavoro ed agli ulteriori livelli di studio e ricerca.

    Refe

  • rente: prof. E. De Vincenzi

 romatre

    • PROGETTO LS-OSA per i licei scientifici di ordinamento e con opzione scienze applicate, è promosso dalla Direzione Generale (DG) per gli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia Scolastica del MIUR. Attivato nel maggio 2013 (prot.2752_22/05/2013) in partenariato con il Dipartimento di Scienze dell'Università Roma Tre, l’Accademia delle Scienze di Torino, ed il Liceo Scientifico Galileo Galilei di Verona, rientra nell’ambito di una serie di azioni (es.: PP&S) messe in atto dalla DG a supporto dell’applicazione delle Indicazioni Nazionali e delle Linee Guida nella scuola secondaria di II grado.

                Obiettivo: Il progetto LS-OSA vede tra le principali motivazioni quella di dare ai docenti di materie scientifiche (biologia, chimica, fisica, scienze della Terra, matematica e informatica) il supporto necessario per allestire e gestire attività pratiche e sperimentali, essenziali per stimolare l'attitudine al ragionamento scientifico e alla ricerca, anche prendendo spunto dall'esperienza quotidiana (laboratorio povero). Essenziale è l’obiettivo di produrre moduli interdisciplinari, seguendo gli obiettivi specifici di apprendimento delineati nelle Indicazioni Nazionali

     

                   Referente: prof. Serena Barbi

  • PROGETTO: USO DELLE CALCOLATRICI GRAFICHE CASIO FX-CG50 COME STRUMENTI PER UNA DIDATTICA LABORATORIALE

  • Obiettivo: L’attività mira, da un lato, al successo formativo e scolastico degli alunni, favorendo la sperimentazione e l’utilizzo di strumenti tecnologici per realizzare ambienti di apprendimento collaborativi e mobili che facilitino l'adozione di pratiche didattiche attente alla dimensione laboratoriale e l’acquisizione di competenze per il problem solving, dall'altro alla motivazione ed aumento dell'autostima degli stessi. L’azione sarà integrata con una attività di informazione che coinvolgerà alcuni docenti (cinque) del dipartimento di Matematica e Fisica e si svilupperà su classi parallele (saranno coinvolte le due classi seconde dell’indirizzo Liceo Scientifico e tre classi terze degli indirizzi Liceo Scientifico e Tecnico Costruzioni ambiente e territorio) il tutto in accordo con il Piano Triennale dell’Offerta Formativa della scuola e con il Piano di Miglioramento. In una prima fase si svilupperanno con l’uso della calcolatrice alcuni contenuti, coerenti con il percorso didattico che si svolge nelle classi coinvolte nella sperimentazione, utilizzando anche materiali didattici già disponibili quali “Esploratori in Matematica – Indagare il legame tra matematica e realtà con la calcolatrice grafica ammessa alla maturità” al fine di far acquisire dimestichezza all’uso della calcolatrice grafica. La metodologia prevista sarà quella della Cooperative Learning: metodo didattico in cui gli studenti lavorano insieme in piccoli gruppi per raggiungere obiettivi comuni, cercando di migliorare reciprocamente il loro apprendimento. Nella seconda fase si svilupperanno attività didattiche innovative proposte dai docenti curricolari e supportate da un esperto formatore Casio. In questa fase, dopo aver formato un gruppo ristretto di allievi per classe, l’azione si svilupperà con una strategia educativa volta ad attivare un processo naturale di passaggio di conoscenze, emozioni ed esperienze da parte di alcuni membri di un gruppo ad altri membri di pari status. La terza e ultima fase sarà dedicata alla discussione sull’esito della sperimentazione con la stesura di report finale con l’eventuale progettazione di successivi interventi

  •               Referente: prof. Serena Barbi

 

 

 licheni

    • LICHENI IN RETE

    Attività:

    - Formazione docenti di Scienze

    - Studenti: applicazione didattica laboratoriale - classe 2^ T

    Obiettivo: Acquisire informazioni sulla biologia ed ecologia dei licheni. Utilizzare lo stereomicroscopio per riconoscere e classificare i licheni epifiti. Conoscere e applicare il metodo IBL (biomonitoraggio dei licheni)

    Referente: prof. Claudio Malavasi

     

 

 autodesk

  • FORMAZIONE CERTIFICATA AUTODESK PER STUDENTI E DOCENTI (Progetto triennale)

Percorsi di formazione certificata  per i prodotti autodesk agli studenti delle classi del secondo biennio e della classe terminale  del "Galilei" e del "Greggiati" e ai docenti degli istituti suddetti (Autocad 2d e 3d, Inventor e Revit). AGGIORNAMENTO DOCENTI QUANTIFICATO IN DUE UNITA’ FORMATIVE.

Obiettivo: Creare l’opportunità per studenti e docenti (Tecnici e Licei) di ottenere un importante certificato di assistenza del percorso formativo riconosciuto in tutto l'ambiente professionale e di attestare le proprie conoscenze con il riconoscimento Autodesk Certified sostenendo un esame di certificazione.

Referente: prof.  Marco Soncini.

altra foto 

 

    • UNO SGUARDO DIETRO LE QUINTE DEL LUNAPARK Progetto triennale. Terzo anno:-POWER MOUSE 40.

    La tecnologia, l’antropologia, l’economia, l’arte e l’architettura applicate alla giostra

    Strutturazione di un progetto che tenga conto delle caratteristiche storiche della giostra. Costruzione di un modellino di giostra con specifiche caratteristiche tecniche. Il progetto prevede anche una visita al museo della giostra, lezioni da parte del personale tecnico dell'azienda Fabbri Park e visita al parco di divertimento "Gardaland" durante il periodo di chiusura/manutenzione.

    Referente: prof. Maria Pia Fortuna

 

    • NETWORK FAMILY

    Attività Prosecuzione della fase di introduzione all’informatica con un nuovo gruppo di anziani (Auser) rispetto al progetto Nonni in rete degli anni precedenti. Corso con tecnici per apprendere come installare, configurare e manutenere i dispositivi da interfacciare ai televisori per i collegamenti con i centri di ascolto. Apprendimento di un nuovo sistema di collegamento pc-televisore via linea telefonica.

    Referente: prof. Evandro De Vincenzi

    • ASSEMBLAGGIO STAMPANTE 3D

    Attività: Il progetto prevede come prima passo l’assemblaggio dei due kit in possesso alla scuola poi in funzione del tempo e della disponibilità dei ragazzi di proseguire il lavoro prevedere un miglioramento delle stampanti realizzate ed eventualmente la realizzazione di un nuovo manuale di assemblaggio

    Destinatari: 4^M, 5^M

    Referente: prof. Marco Soncini

    • LABORATORI DI FISICA MODERNA

    Attività: Il progetto prevede la partecipazione degli studenti interessati ai Laboratori di Fisica Moderna presso il dipartimento di Fisica dell'Università degli studi di Ferrara. L'attività si svolgerà in un pomeriggio del mese di febbraio.

    Destinatari: classi 5e Liceo scientifico

    Referenti: proff. Serena Barbi/ Fabiola Galli

    • ECOSCUOLA

    Attività: Il progetto mira a far riflettere sugli sprechi di risorse ed energia incentivando comportamenti virtuosi. La classe 4^T già esperta nei controlli ecologici farà da tutor ad alcuni studenti della classe 3^M per avviare i controlli anche nella sede ITI. Adesione all’iniziativa m’illumino di meno 2019.  Effettuare la raccolta differenziata usando correttamente i cestini e tenendo pulita e ordinata  la classe. Attuare strategie di risparmio energetico spegnendo le luci quando non servono o si esce dalla classe; spegnere il proiettore LIM quando non si usa o nell’intervallo.

    Destinatari: 4^T, 3^M Referente: prof. Claudio Malavasi

 

Consolidare il progetto di miglioramento della lingua Italiana per alunni stranieri (in particolare intesa come L2)

Una parte degli alunni stranieri che fa il suo ingresso ogni anno nell’Istituto è in condizione di non italofonia. Questo non significa che essi siano tabula rasa dal punto di vista linguistico. In genere hanno sviluppato nella L1 una buona competenza sia nell'orale che nello scritto. Una parte consistente si trova inoltre nella condizione di bilinguismo dato che padroneggia la lingua materna (o il dialetto del paese d'origine) per gli usi orali e famigliari e una lingua di scolarità per lo scritto (spesso il francese o l’inglese) che può essere utilizzata come lingua-ponte verso l’italiano.

Al momento dell'accoglienza dell'alunno straniero viene rilevata, oltre alla sua storia personale e scolastica, anche la sua biografia linguistica (quale/i lingua/e conosce? la/e conosce solo oralmente o padroneggia anche lo scritto? ha imparato una lingua straniera nel paese d'origine?...).

Definire la biografia linguistica è il primo passo per rilevare saperi e competenze già acquisiti, mettere a fuoco i bisogni linguistici, definire una programmazione mirata ed efficace.

Il Referente linguistico (v. PAI di Istituto) coordina gli interventi educativi e didattici a favore degli studenti non italofoni avvalendosi del lavoro degli insegnanti con ore di potenziamento, che lavorano per piccoli gruppi omogenei o in attività individuali, perlopiù fuori aula ma in stretto coordinamento con i docenti curricolari di classe.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.