:title:

Aspetti  organizzativi  e  gestionali:  CHI  AGISCE

 

DIRIGENTE prof. Morandini Daniele

Gestisce il sistema

E’ corresponsabile delle decisioni relative all’individuazione degli alunni con BES

Coordina il GLI

Organizza la formazione dei docenti (anche tramite iniziative in rete con altri istituti)

Supervisiona l’operato della Funzione strumentale e dei suoi collaboratori

 

Funzione strumentale (Sostegno alunni disabili, DSA e BES; accoglienza e sostegno alunni stranieri; dispersione scolastica)

Collabora con il Dirigente scolastico

Supporta e coordina le attività di sostegno e gli interventi compensativi e dispensativi attuati

Cura la modulistica in uso nell’istituto

Controlla la documentazione prodotta dai docenti e dalle famiglie (protocollo riservato di Istituto)

Coordina il lavoro dei suoi collaboratori

Supporta i Consigli di classe nella compilazione dei PEI e dei PDP

Cura i rapporti con ASL, CTI e UONPIA

Cura i rapporti con le associazioni di volontariato del territorio

Cura, insieme al Dirigente, i rapporti con le Amministrazioni locali del bacino di utenza dell’istituto

Contatta, insieme al Dirigente, gli Istituti comprensivi di provenienza degli iscritti BES alle classi prime

Cura i rapporti con le famiglie degli alunni BES

Partecipa a corsi di formazione per migliorare la qualità dell’inclusione scolastica

Propone alla Dirigenza momenti di formazione e aggiornamento per l’istituto.

 

Inoltre, è imprescindibile la collaborazione con le seguenti Funzioni strumentali e i seguenti Referenti:

 

Referente Orientamento

Si occupa dell’ organizzazione di tutte le iniziative dell’orientamento dell’istituto

La collaborazione riguarderà:

  1. rilevamento di informazioni riguardanti situazioni di disagio di vario genere (in particolare nelle classi prime);
  2. attuazione del protocollo relativo alla gestione dell’accoglienza degli alunni BES in entrata;
  3. collaborazione con il personale di esperti coinvolto nel progetto “Punto d’ascolto”
  4. collaborazione e sostegno alla progettualità di “Educazione alla salute”;
  5. sostegno all’ area di progettualità attinente all’ambito musicale e artistico finalizzata anche all’integrazione.

 

Funzione strumentale (Controllo e aggiornamento del PTOF)

Elabora il piano dell’Offerta formativa triennale dell’istituto

La collaborazione riguarderà:

1.condivisione del piano complessivo dell’ offerta formativa dell’istituto, compresi i bisogni educativi speciali

2.condivisione del PAI

3.condivisione delle linee educative e dei progetti finalizzati al miglioramento dell’inclusione

 

Funzione strumentale (Autovalutazione dell’Istituto e Responsabile Invalsi)

Elabora il RAV e il Piano di Miglioramento dell’istituto

La collaborazione riguarderà:

monitoraggio e autovalutazione delle azioni inclusive dell’istituto

 

 

ORGANI COLLEGIALI E GRUPPI DI LAVORO

Collegio dei Docenti   

- approva il PAI in data 15/06/2018  prodotto dalla Commissione BES e da condividere con il GLI, valido per l’anno scolastico 2018-19.

 

Consiglio di Classe

  1. Individuazione dei BES. Il Consiglio di classe ha il compito di individuare gli studenti che necessitano di una personalizzazione della didattica ed di misure compensative e/o dispensative sulla base di considerazioni pedagogiche e didattiche e della documentazione clinica e/o certificazione fornita dalla famiglia.
  2. Collaborazione con il GLI
  3. Comunicazione con la famiglia ed eventuali esperti
  4. Predisposizione del PDP. Il Consiglio di classe in ottemperanza alla normativa vigente predispone un piano didattico personalizzato (PDP) con lo scopo di definire, monitorare e documentare le strategie di intervento più idonee e i criteri di valutazione degli apprendimenti per gli alunni individuati in situazione di svantaggio scolastico, tranne nei casi di disabilità (per i quali è previsto il PEI).

Il PDP deve essere firmato entro il 30 Novembre dalla famiglia, dal Consiglio di classe e dal Dirigente Scolastico e protocollato entro la medesima data.

 

GLI (Gruppo di Lavoro per l’ Inclusione) svolge i seguenti compiti:

  1. Rilevazione dei BES, monitoraggio e valutazione
  2. Raccolta e documentazione degli interventi educativo-didattici
  3. Consulenza e supporto ai docenti sulle strategie e metodologie di gestione delle classi
  4. Raccolta e coordinamento delle proposte formulate dai G.L.H. operativi
  5. Elaborazione di un “Piano Annuale per l’Inclusione”
  6. Contatti con CTS e servizi sociali e sanitari territoriali per attività di formazione, tutoraggio ecc.

In apertura di anno scolastico, quando la situazione dei docenti di sostegno risulta nel complesso definita, adatta la proposta di Piano Annuale per l’inclusione in base alle risorse assegnate alla scuola.

 

Gruppo di Lavoro Operativo per alunni con disabilità (già GLHO)

Composizione: Dirigente scolastico,  Funzione Strumentale,  Docente coordinatore, Docenti curricolari, Docenti di sostegno dell’alunno disabile, Genitori dell’alunno disabile, Operatori Asl, A.E.C. se richiesto, altro personale che opera con l’alunno disabile. Nel caso in cui fosse necessario, si prevede la possibilità di riunire G.L.O. straordinari, concordando la presenza degli operatori sanitari.

Funzioni essenziali:

  1. progettazione e verifica del PEI;
  2. individuazione e programmazione delle modalità operative, delle strategie, degli interventi e degli strumenti

necessari all’integrazione dell’alunno disabile.

 

Docenti di sostegno

  Gli otto docenti in servizio per l’anno scolastico 2018 – 2019

  1. Supportano i docenti della classe in attività inclusive (lavoro di gruppo, apprendimento cooperativo, attività di tutoring, attività individuali per potenziare abilità e conoscenze);
  2. seguono e implementano la didattica degli alunni H, agevolandone l’apprendimento;
  3. partecipano ai gruppi di lavoro previsti all’interno e all’esterno dell’istituto;
  4. partecipano ad eventuali iniziative di formazione.

 

Referente linguistico L2

(Il referente è un componente della commissione BES, con cui collabora a stretto contatto)

  1. attiva percorsi, eventualmente anche in rete con altre scuole, di apprendimento e approfondimento della lingua italiana secondo i bisogni degli alunni, in collaborazione con i docenti del Consiglio di classe e con la Dirigenza;
  2. tiene i contatti con il CTI per iniziative riguardanti il recupero del disagio di natura linguistica;
  3. partecipa ad eventuali iniziative di formazione e aggiornamento sull’argomento;
  4. propone all’istituto eventuali iniziative di formazione.

 

Personale ATA

Collabora con i docenti alla messa in atto del PAI secondo le direttive del Dirigente Scolastico e del DSGA


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.